Rete ecologica

Rete Ecologica

Il progetto di rete ecologica è stato introdotto e sperimentato come metodo per affrontare le problematiche ambientali: partendo dalla considerazione dei danni provocati dalla pressione antropica (diminuzione della biodiversità, consumo delle risorse, ecc.) si è consolidato un atteggiamento di maggior attenzione alla fragilità delle risorse e al impossibilità di rinnovarle.

Nell’ambito del dinamismo ambientale, la frammentazione è quel processo continuo causato dall’azione umana tramite la quale aree naturali vengono suddivise in frammenti più o meno separati. La frammentazione rappresenta una delle principali minacce per la conservazione della biodiversità, rendendo di fatto importante lo studio della connettività del paesaggio.

La continuità ambientale di un habitat viene ad essere considerata una delle condizioni fondamentali per garantire la biodiversità, perseguendo l’obiettivo di ricostruire una continuità di unità ecosistemiche naturali o paranaturali in grado di svolgere un ruolo funzionale per l’ambiente.

La proposta di Piano Territoriale della Regione Lombardia (D.G.R. del 16 gennaio 2008, n. 8/6447) prevede al punto 1.5.1 del suo Documento di Piano la realizzazione della Rete Ecologica Regionale (di seguito RER), riconosciuta come infrastruttura Prioritaria per la Lombardia inquadrandola, insieme alla Rete Verde Regionale (P.T.R. – Piano Paesaggistico, norme art. 24) negli Ambiti D dei “sistemi a rete”.

Al medesimo punto il Documento indica che “la traduzione sul territorio della RER avviene mediante i progetti di Rete Ecologica Provinciale (REP) e Locale (REC).

La Rete Ecologica Comunale (REC) trova la sue condizioni di realizzazione nel Piano di Governo del Territorio (P.G.T.) previsto dalla l.r. 12/2005.

La rete ecologica è un’infrastruttura naturale il cui fine è ricostruire le connessioni degli ambienti naturali e semi-naturali del territorio.

Il progetto di rete ecologica rappresenta una delle principali proposte per una pianificazione integrata del territorio e per la tutela dell’ambiente, in grado di contrastare l’impoverimento della biodiversità favorendo le relazioni tra città ed elementi naturali e rurali del territorio.

Una rete ecologica comunale deve definire, a scala locale, le caratteristiche e le potenzialità del territorio e indicare le strategie per consolidare e arricchirne le dotazioni ambientali, puntando ad una maggiore efficienza ecologica.

Per strutturare il progetto di rete locale risulta determinante delineare il ruolo che essa svolge all’interno di una scala territoriale più ampia: solo se inquadrata a livello provinciale e regionale, una rete comunale assume pieno significato e le scelte specifiche possono produrre ricadute positive su un territorio più vasto.

La costruzione del progetto di Rete Ecologica a livello comunale si pone come obiettivo la realizzazione di un sistema integrato di conservazione e valorizzazione delle risorse naturali e culturali e l’arricchimento dell’attenzione alla tutela e alla rigenerazione ambientale e paesistica nelle aree di maggior criticità.

Lavori svolti

Nave

 

Pontevico